Cooperativa Le Lagune


Vai ai contenuti

L'ambiente di laguna

Territorio

Le Lagune sono dei bacini separati dal mare da una linea di isole disposte trasversalmente a formare una sorta di barriera di difesa dal mare. Tra i vari isolotti si trovano dei varchi chiamati "bocche" che permettono lo scambio e il passaggio tra la laguna e il mare. I fiumi che sfociano in laguna apportano il materiale minerale che depositandosi va a formare il cordone litoraneo di isole, permettendo al tempo stesso alle acque di ossigenarsi e guadagnare in dolcezza e freschezza.
Anche le maree giocano un ruolo fondamentale, rimescolando con i loro cicli le acque.
In laguna le oscillazioni di temperatura sono molto più elevate che in un fiume o in mare, in quanto le acque non hanno profondità elevata e la radiazione solare riesce a penetrare meglio nell'acqua riscaldandola molto più che in altre zone, creando un ambiente molto rigido e elettivo per gli esseri viventi. Nel contempo però le lagune sono caratterizzate dalla grande ricchezza di materiale nutritivo.
La laguna di Grado e Marano è un ambiente caratterizzato da attività economiche quali la pesca, l'acquacoltura, il turismo, la nautica, i traffici commerciali ma è anche un'area avifaunistica di valore internazionale e un sito molto importante per la sosta e lo svernamento di uccelli acquatici.
Di elevato pregio naturalistico è la straordinaria presenza avifaunistica. Infatti, sono numerosi, per specie e quantità, gli uccelli che popolano ed vivificano l'ambiente palustre nelle diverse stagioni. Molti vi sostano durante le migrazioni, tanti vi trascorrono l'inverno ed altri ancora trovano qui l'habitat ideale per la nidificazione.
Tra tante meritano menzione particolare il cormorano, il marangone dal ciuffo, l'airone bianco maggiore e quello cenerino, i laridi (gabbiani), l'airone rosso, il falco di palude e vari passeriformi, come ad esempio il basettino, la salciaiola, il cannareccione e la cannaiola. In inverno, nelle sacche lagunari circostanti i canneti, s'aggregano grandi stormi di uccelli acquatici, in particolare folaghe ed anatidi.
Tutte queste specie, nutrendosi naturalmente anche di pesce, non sono di certo gradite a chi si dedica all'attività di acquacoltura anche se è continua la ricerca del giusto equilibrio tra attività dell'uomo e salvaguardia delle biodiversità, soprattutto in zone delicate e di notevole importanza come appunto le valli da pesca delle lagune.

Home page | Chi siamo | Territorio | Le Aziende | Le Valli da pesca e la Molluschicoltura | Prodotti e Territorio | Ordina i prodotti | Prenota i servizi | Il Pesce... un mare di "segreti" | Dove siamo | Pagina Riservata | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu